Definire la Diarrea

La Diarrea

La maggior parte dei casi di diarrea si manifesta in seguito all'ingestione di cibo infetto o avariato. La causa risiede in uno stato infiammatorio dell'intestino crasso, condizione che in genere tende a risolversi dopo uno o due giorni.

Navigare Facile

Attacchi prolungati possono divenire gravi: i rischi esistono soprattutto per i bambini piccoli, gli anziani e le persone deboli, in quanto la perdita di liquidi che deriva da questa condizione può provocare uno stato di disidratazione. Se la diarrea persiste per più di quarantotto ore, o è associata a febbre continua, si consiglia di consultare il medico.

Il medico consigierà riposo e una massiccia assunzione di liquidi ricchi di sale e zucchero per consentire all' attacco di risolversi naturalmente.

Previsioni del Tempo

Nei casi gravi invece potrà essere prescritto un antibiotico, codeina o un antidiarrotico. Se la diarrea dovesse protarsi oltre i tre giorni o se fosse accompagnata da tracce di sangue nelle feci, il medico andrà alla ricerca di altre possibili cause magari prescrivendo esami specifici.

I bambini, prima che abbiano raggiunto i due anni di vita sono solitamente soggetti ad attacchi di diarrea, ma è possibile che le conseguenze siano più serie che nell'adulto, perchè il loro fisico non può sopportare forti perdite di liquido.

In questo caso se non si può interpellare subito il medico, è meglio sospendere la somministrazione di alimenti abituali e far bere, nella quantità di mezzo bicchiere per volta ogni mezz'ora circa, ma per non più di 12 ore, una soluzione sterile, costituita da un cucchiaio da tavola di zucchero in un litro di acqua bollita cui sia stato aggiunto un cucchiaino di sale.

Infatti sia nel bambino che nell'adulto il danno principale può essere l'eccessiva perdita di acqua da parte del corpo (disidratazione) e può essere compromessa anche la nutrizione, perchè, in concomitanza con la diarrea, i movimenti intestinali sono così rapidi che il cibo passa attraverso l'intestino troppo velocemente per poter essere adegutamente digerito e assorbito.